Bitti

project

  • Borghi, Soci del ConsorzioCategory
  • «Bitti è un grosso villaggio, ricco e fiorente, con abitazioni dall'aspetto cittadino. La ricchezza del luogo deriva dalle proprietà terriere e dal bestiame. [...] Oggi è collegato, oltre che con Nuoro, con la stazione ferroviaria di Osidda, nella valle del Tirso. A Bitti si sono conservate meglio le consuetudini e le tradizioni sarde. [..] Gli uomini non si vedono mai disarmati mentre trottano qua e là in groppa ai loro cavalli e a Bitti non si scherza. "Non si scherza a Bitti", mi disse una bella bittese, mentre sorrideva a bocca aperta, così da far risplendere il bianco avorio dei suoi denti. "Nemmeno in amore?" osai domandare. "In amore ancora meno che in altre cose» - Max Leopold Wagner, “Immagini di viaggio della Sardegna”
photo
photo
photo
photo
photo
photo

Bitti prende il nome dal sardo sa bitta, cerbiatta. Secondo una leggenda, infatti, una cerbiatta venne uccisa da un cacciatore mentre si abbeverava nella centrale fonte de Su Cantaru, all’interno del paese.
Considerato uno dei centri più importanti del nuorese, l’abitato,i cui scorci conservano ancora alcune costruzioni in pietra, si sviluppa ad anfiteatro in una vallata, circondato dalle colline, e attorno alla principale chiesa di San Giorgio. Nel 1881 il comune venne accorpato al vicino centro di Gorofai.
L’attività agropastorale, alla quale è dedicato il museo della Civiltà Contadina, caratterizza l’economia del territorio. A tale settore è legata la ricca produzione di prodotti lattiero caseari, i quali, assieme al famoso pane Carasatu e alcuni dolci, costituiscono le principali tipicità agroalimentari.
Sono molteplici le chiese, dedicate ai vari santi in onore dei quali, da maggio a ottobre, i fedeli si riuniscono per celebrare le altrettanto numerose feste, caratterizzate da riti tradizionali. Ugualmente ricco è il patrimonio archeologico, il cui sito più conosciuto è sicuramente Romanzesu, a pochi km dall’abitato. Da segnalare, infine, la forte tradizione del canto al tenore, che si distingue per la varietà delle forme musicale. Ad esso è dedicato il museo multimediale nel centro del paese.

Bitti su Sardegna Turismo.

 

 

[ready_google_map id=’8′]